In una delle più ampie vallate della costa d’Amalfi sorge la città di Maiori. Essa, di assai remota e splendida origine, fu parte molto rilevante dell’antica e gloriosa Repubblica Amalfitana. <<... in Majori erano i cantieri, gli arsenali, la stazione delle flotte; quivi le rappresentanze marittime, piazza d’arme, ..., i più imponenti fortilizi>> (F.Cerasuoli).

In una terra ove il mito e la storia si fondono nella stessa mirabile armonia delle sue bellezze naturali, ove Ulisse fu insidiato dalle sirene nei pressi dell’attuale Positano e dove Wagner, nei giardini di Villa Rufolo a Ravello, collocò il mitico "giardino di Klingsor", anche Maiori affonda le proprie radici nelle nebbie di un passato glorioso ma incerto.