A. D'AMALFI

VITA DI MUSICISTA

Revisione e ricostruzione dai tre manoscritti autografi a cura di Antonio Porpora Anastasio Il racconto autobiografico del musicista amalfitano Antonio Tirabassi. Dai ricordi della sua infanzia - con la descrizione di tradizioni e figure caratteristiche - ai determinanti incontri con illustri personaggi, dai gustosi aneddoti dell'Orchestra Permanente all'emozione della visita a Bayreuth, dalle prime esperienze musicali alle grandi conclusioni estetiche. Fra le prime parole del racconto il motto "Poeta nascitur", per poi concludere con un altro motto, di memoria biblica: "I mercanti fuori dal Tempio!".

 

PREMESSA Con lo pseudonimo A. D'Amalfi, il musicista Antonio Tirabassi firma le tre stesure del suo racconto autobiografico dal titolo Vita di Musicista nella versione italiana e Le roman d'un musicien pauvre nella duplice versione in francese. La finzione letteraria cos iniziata pervade tutto il racconto ma, nonostante i nomi modificati o indicati con la sola iniziale, quasi sempre possibile risalire con facilit al riferimento originale. Questo espediente trova motivazione nel fatto che i protagonisti dei singoli episodi erano viventi all'epoca della stesura e, nell'ottimistica previsione di una pubblicazione a breve scadenza, viene qui adottato quale comprensibile forma di discrezione. Nessuno dei tre manoscritti reca la data della stesura e non esistono a tutt'oggi dirette testimonianze documentarie al riguardo, l'unico indizio costituito da alcuni articoli pubblicati da Tirabassi fra il 1920 e il 1935, su Le Soir e sulla Gazette Musicale de Belgique, che riproducono parzialmente due capitoli del racconto: Piedigrotta e Bayreuth. Il linguaggio impiegato nelle tre stesure in forte contrasto con quello dell'epoca, soprattutto nella versione italiana: una sorta di italiano regionale "a memoria", arcaico e intriso di francesismi alle volte addirittura inesistenti. Non possibile stabilire quale dei tre manoscritti sia stato redatto per primo e la sola consistente differenza rappresentata dalle molte "correzioni", non di mano dell'autore, presenti in una delle due versioni in francese. Questo manoscritto "corretto" presenta molte varianti e inoltre reca all'interno due capitoli non inclusi negli altri due autografi: Chez Anatole France, chez Claude Debussy e Le Caf des Artistes. Il testo qui presentato il risultato di un lavoro di revisione e ricostruzione basato sulla versione italiana, integrata con le varianti contenute nelle due redazioni francesi e controllata minuziosamente con l'aiuto di dizionari dell'epoca e precedenti. Ci allo scopo di restituire al pubblico il prezioso inedito nella sua veste originale, il pi possibile vivente e non cristallizzato da limitanti "filologismi", cos come si conviene all'opera di un musicista, abituato ad esprimersi per immagini sonore, precise e tuttavia vibranti di tutte quelle sane imperfezioni che a lungo andare avvicinano alla comprensione della concreta astrazione finale. Tirabassi scopre le sue carte con eleganza e discrezione, la sua prosa stringata, essenziale, come per gran parte di quella produzione artistica definita "intima", e da parte del lettore richiede un approccio umile e un giudicare non affrettato se si vuol beneficiare di quanto in essa contenuto. I primi capitoli hanno un andamento vago, sognante, apparentemente frammentario. La memoria seleziona senza sforzo gli episodi e l'intelletto li ricuce fra loro inserendoli in una precisa struttura formale che conduce gradualmente alle grandi conclusioni estetiche e filosofiche esposte in generosa sintesi e con estrema chiarezza. Con la divulgazione di questo lavoro s'intende contribuire alla rivalutazione in termini reali di questo poliedrico artista che, lavorando incessantemente tutta la vita lontano dai rumori della piazza, ci ha lasciato un considerevole insieme di opere a testimonianza del suo grande impegno spirituale mai distratto dai fausti ed infausti accadimenti biografici. 

Antonio Porpora Anastasio
 Lone di Amalfi, ottobre 1998 


Indice 

  1. L'INFANZIA 

  2. IL MUSICISTA IN ERBA 

  3. LE MAESTRINE NANTI 

  4. LA SCUOLA DI DON MARCO 

  5. LE LEZIONI DI PETTO

  6. LA VENDETTA

  7.  IL GINNASIO ARCIVESCOVILE 

  8. IL PICCOLO CANTANTE 

  9. IL PICCOLO MUSICISTA 

  10. LA CONTR'ORA 

  11. LA CONFRATERNITA 

  12.  I "CARUSO" DELLA CAPPELLA 

  13. L'ORGANISTA 

  14. DON NICO' 

  15. GIARDINO 

  16. NICOLIELLO 

  17. PICO 

  18. IL PROFESSORE 

  19. DON SAVO 

  20. LA SMORFIA 

  21. PIEDIGROTTA 

  22. IL CAFF DEGLI ARTISTI 

  23. NOTTE SORRENTINA 

  24. LA TORRE DELLA REGINA GIOVANNA 

  25. L'ORCHESTRA PERMANENTE 

  26. FIORILLO 

  27. IL BALLO DELL'ORCHESTRA 

  28. L'INQUISITORE 

  29. RETTIFICA NECESSARIA 

  30. NUOVA SPOGLIA

  31. IL TROMBONE DI DON FELICE 

  32. L'ANGELO DI PONTANE 

  33. DEL CAPRO ALLE CIPOLLE

  34. NOTTE A PESTO 

  35. GASPARE E IL BOMBARDONE 

  36. LA MESSA DI REQUIEM 

  37. LA MADONNA DELLE GALLINE 

  38. L'ORGANISTA DI NIORI 

  39. LA MARCIA NUZIALE 

  40. I CONCERTI 

  41. PARIGI 

  42. IL PICCOLO FILOSOFO 

  43. DA A. FRANCE, DA C. DEBUSSY 

  44. AL PAESE DI BACH E BEETHOVEN BAYREUTH 

NOTA - Profilo biografico di Antonio Tirabassi 

Catalogo per titoli 



Edizioni dell'Ippogrifo s.a.s. via Marcullo, 
39/d 84087 Sarno (SA) 
tel. 081 - 517 70 00 
Tutti i diritti riservati - 1999